USA E CANADA

FORNITORI DI VINO ITALIANO IN CANADA E STATI UNITI

Il Canada è un paese vastissimo e con una popolazione molto piccola, circa 36 milioni di abitanti, quindi molte aree del paese, soprattutto nelle zone nordiche, sono praticamente disabitate. La bevanda alcolica più consumata in Canada è la birra con una quota del 44% del consumo complessivo di alcolici, segue il vino al 32%, il resto va ai superalcolici. Negli ultimi anni la quota del vino registra una crescita costante, se pur i consumi pro capite sono ancora relativamente bassi (15 litri pro-capite). Tutti gli studi e le indagini effettuate concordano sul fatto che il Canada sarà, nei prossimi anni, in quanto a prospettive di crescita, per il vino, uno dei mercati più promettenti.

Gli Stati Uniti invece, superata ormai la grande crisi economica del 2008-2009, sono riusciti con un mix efficace di politiche economiche e monetarie a riprendere con forza il sentiero della crescita economica che va rafforzandosi da un anno all’altro. La principale bevanda alcolica consumata negli Stati Uniti è la birra, ma al secondo posto si colloca il vino anche se i consumi di quest’ultimo, in termini di volumi, sono un decimo di quelli della birra. Il vino è un prodotto relativamente nuovo per i consumatori americani, non c’è l’abitudine di consumare vino quotidianamente durante i pasti. Le importazioni rappresentano circa un terzo del mercato del vino americano, l’80% riguarda vini imbottigliati ma, negli ultimi anni, si è notata una crescita delle importazioni di vini sfusi soprattutto dai paesi dell’Unione Europea.

Ad oggi, le nostre vendite, sia sul territorio Canadese che quello Statunitense, sono concentrate principalmente sul Pinot Grigio.